11 Ottobre 2019

Auto elettriche, si parte. Superate in Italia le 1.000 immatricolazioni in un mese


Auto elettriche, si parte. Superate in Italia le 1.000 immatricolazioni in un mese
 Milano, 3 Ott 2019
(fonte E-Gazette)

Nel mondo sono stati immatricolati 2,1 milioni di veicoli elettrici nel 2018 (+78%). Ad oggi, in Italia sono presenti quasi 8.200 punti di ricarica tra pubblici (3.500, +23% sul 2017) e privati

Per la prima volta in Italia, ad aprile, è auto-elettriche.jpgstata superata la soglia delle 1.000 auto elettriche pure immatricolate in un mese, risultato che si è ripetuto in maggio e in giugno e che si deve certamente anche agli incentivi all’acquisto (“Ecobonus”) introdotti dalla Legge di Bilancio 2019, grazie ai quali si è scalfita la barriera più rilevante alla diffusione della mobilità elettrica, cioè l’elevato costo iniziale del veicolo. Questo ha fatto salire a circa 6.000 le auto elettriche “pure” (BEV – Battery Electric Vehicle) vendute nei primi sette mesi del 2019, ben un migliaio in più rispetto a tutto il 2018, con una crescita del 113% sullo stesso periodo dell’anno precedente. Nel 2018 infatti sono state 9.579 le auto elettriche immatricolate (5.010 pure e 4.569 ibride), appena lo 0,5% del totale (2 milioni) e tuttavia abbastanza da far salire il parco circolante a 22.000 unità. Né va dimenticata la crescita relativa: i BEV sono aumentati di una volta e mezza rispetto all’anno precedente (e del 113% se si considerano i primi 7 mesi del 2019), i PHEV, o ibridi plug-in, del 60%.

Sono alcuni dei risultati emersi dalla terza edizione dello Smart Mobility Report, redatto dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano e presentato per la seconda volta a THAT’S MOBILITY, l’evento dedicato alla mobilità elettrica in corso al MICO, Centro Congressi di Fiera Milano. L’analisi riguarda i principali macro-trend che stanno ridisegnando il mondo della mobilità verso la smart mobility – dall’elettrificazione alla sharing mobility, all’uso dei veicoli elettrici come soggetto attivo all’interno del sistema elettrico (Vehicle-Grid Integration) – ed è stata supportata da numerosi partner industriali.

“Uno scenario incoraggiante, nonostante i numeri delle auto elettriche in Italia risultino ancora piccoli se comparati al mercato interno totale dei veicoli o all’andamento della mobilità elettrica nei principali paesi europei, dove rappresentiamo il 2,5% – commenta Vittorio Chiesa, Direttore dell’E&S Group -. Tuttavia, è ormai chiaro a tutti che non stiamo più parlando di una ‘nicchia’, ma di una componente fondamentale dei trasporti del futuro. Opinione suffragata dal Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima – PNIEC, che fissa obiettivi ambiziosi per i prossimi anni. Ottimi segnali sono l’ampliamento dell’offerta di modelli di auto, oggi più di 60 (+260% rispetto al 2015) tra ‘puri’ e ibridi plug-in – continua Chiesa – così come lo sforzo degli operatori della ricarica, che ha permesso di raggiungere gli 8.200 punti di ricarica ad accesso pubblico installati oggi in Italia, aumentando la percezione di adeguatezza dell’infrastruttura da parte degli utenti”.

In tutto il mondo, nel 2018 sono stati immatricolati 2,1 milioni di veicoli elettrici, sia “full electric” (70% del totale) che ibridi plug-in, con un trend di crescita sul 2017 (+78%) che ci si aspetta venga confermato nel 2019, quando si dovrebbero superare i 3 milioni. La Cina svetta con 1,2 milioni di nuovi veicoli elettrici (+78%), il triplo dell’Europa che però si conferma il secondo mercato con oltre 400.000 immatricolazioni (+34%). Seguono Stati Uniti (350.000, +79%) e Giappone (53.000, -6%). In Europa, al primo posto ancora la Norvegia, che con oltre 72.000 nuove auto elettriche segue Cina e Stati Uniti e registra un impressionante 49% sul totale dei nuovi veicoli nel Paese. Al secondo posto la Germania (67.000, +24%), poi Gran Bretagna e Francia (rispettivamente 60.000 e 45.000, +26% e +24%).

Nel mondo, a fine 2018, c’erano 540.000 punti di ricarica pubblici (+25% sul 2017), di cui 140.000 “fast charge”, ossia con potenza superiore a 22 kW. A dominare la scena è ancora la Cina, sia per l’infrastruttura “normal charge” (41% di quota di mercato) che “fast charge” (77%). L’Europa aveva 160.000 punti di ricarica pubblica (+14%), di cui il 15% “fast charge”, cresciuti molto di più dei “normal charge” (rispettivamente +30% e +12%). Nei primi 7 mesi del 2019 le nuove installazioni sono state 15.000. La diffusione è molto disomogenea: si va dall’Olanda, che ha un rapporto punti di ricarica/veicoli elettrici circolanti inferiore a 1:5 (quello dell’Italia è 1:7) fino alla Norvegia, con 1:20.

Ad oggi, in Italia sono presenti quasi 8.200 punti di ricarica tra pubblici (3.500, +23% sul 2017) e privati ad accesso pubblico, il 20% circa di tipo “fast charge”, in linea con la media europea e in crescita del 52% .La Lombardia è l’unica regione con oltre 1.000 punti di ricarica, seguita da Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Sicilia (oltre 500). Il Nord Italia detiene il 51% delle installazioni e il 53% di quelle “fast charge”. Circa il 70% è in ambito urbano, su strada o in parcheggi pubblici, quasi il 30% in “punti d’interesse” come centri commerciali e concessionarie auto, meno del 5% è extra-urbano.

9 Luglio 2019

Auto. Non sarà più necessario cambiarla, arrivano i veicoli elettrici ultramodulari


xyt piccola casa automobilistica di nuova generazione sviluppa veicoli elettrici con pochi componenti che possono essere assemblati e riconfigurati

L’auto elettrica è uno dei “trend” più xyt-modulare.jpgrilevanti nell’industria dei trasporti e molte aziende, non solo automobilistiche, hanno scelto di cimentarsi nella produzione di veicoli elettrici. Ma forse l’evoluzione futura dei veicoli non si misura solamente sul carburante utilizzato ma anche sulla modalità d’uso e quindi sui chilometri percorsi: la media nel Regno Unito è di 40 chilometri, in Francia 60, distanze ampiamente alla portata dei moderni veicoli elettrici. In molti si chiedono, dunque, se il mercato attuale è pronto per veicoli elettrici a corto raggio? Secondo XYT, piccola casa automobilistica di nuova generazione, la risposta è sì, a partire dai servizi logistici di “ultimo miglio” per le consegne urbane. XYT è nata per sviluppare veicoli elettrici non solo efficienti e durevoli, ma anche e soprattutto modulari. Questo significa che, con l’evoluzione della tecnologia e delle esigenze degli utilizzatori, il veicolo può essere adattato, aggiornato, completato e non più semplicemente sostituito. Questi “upgrade” sono possibili perché il mezzo è costituito da soli 580 componenti (contro circa 10.000 delle auto tradizionali) che possono essere assemblati e riconfigurati con una normale cassetta degli attrezzi.

Nasce così un veicolo che può essere completamente personalizzato: ogni cliente può creare un mezzo che risponda a qualsiasi esigenza o preferenza in termini di funzionalità ed estetica. La piattaforma aperta PIXEL di XYT è già stata testata per oltre un milione di chilometri, ottimizzando il progetto per la mobilità di ultimo miglio e per offrire esperienze positive agli operatori del settore (logistica urbana, e-commerce ecc.).

Il percorso di innovazione dell’azienda è partito da PIXEL Y, un’auto a due posti per mobilità individuale e condivisa, e ora sta sviluppando la nuova gamma PIXEL X per servizi logistici efficienti. In futuro XYT sta anche studiando come impiegare la piattaforma modulare per realizzare una “navetta” destinata al trasporto pubblico, condiviso o privato, sviluppando una nuova linea di prodotti chiamata PIXEL T.

XYT è entrata a far parte del 3DEXPERIENCE Lab di Dassault Systèmes per avere accesso alla piattaforma 3DEXPERIENCE in cloud nell’ottica di imprimere un’accelerazione alla propria missione. L’azienda è pronta a collaborare con talenti locali e globali in tutti gli ambiti, dal design alla progettazione, dalle forniture alle personalizzazioni. Le soluzioni software di Dassault Systemes consentono inoltre all’azienda di effettuare configurazioni e personalizzazioni in modo dinamico e veloce partendo dall’architettura modulare della XYT.

13 Luglio 2018

Consumo consapevole e risparmio energetico: arrivano gli smart meter di seconda generazione


Tenere sotto controllo i prelievi giornalieri di energia e l’effettiva potenza assorbita da tutti i dispositivi elettrici ed elettronici. Ridurre le fatture stimate, evitando i conguagli di fatturazione.

Continue Reading

7 Giugno 2018

I futuri computer saranno alimentati da batterie di stoffa elastica, grazie ai batteri


Il lavoro è stato sviluppato dai ricercatori della Binghamton University di New York e pubblicato sulla rivista Advanced energy materials

Continue Reading

27 Dicembre 2017

Boom delle auto ibride in Italia, in novembre record di immatricolazioni


A novembre le auto ad alimentazione ibrida raggiungono un nuovo record, toccando quota 4,3% del totale immatricolato nel mese.

Continue Reading

22 Novembre 2017

Stima Aie. Gli Usa diventeranno esportatore netto di petrolio entro il 2030


Il calo dei costi per le rinnovabili e l’aumento dell’elettrificazione saranno gli altri fattori che cambieranno il sistema energetico. L’eolico diventerà la prima fonte europea di elettricità

Continue Reading

27 Gennaio 2016

Novità e incentivi su rinnovabili ed efficienza energetica


Le stime degli analisti in un articolo del Wall Street Journal: ci sarebbero 500 mila barili in più sul mercato.

Continue Reading

22 Novembre 2015

Dalla Commissione europea il nuovo pacchetto sulla mobilità sostenibile


IL PROVVEDIMENTO PUNTA SUI VEICOLI PULITI E PROPONE NUOVI OBIETTIVI DI CO2 CON INVESTIMENTI SU TECNOLOGIE E INFRASTRUTTURE

Continue Reading

19 Marzo 2015

Petrolio, accordo nucleare Iran spingerà ancora più giù i prezzi


Le stime degli analisti in un articolo del Wall Street Journal: ci sarebbero 500 mila barili in più sul mercato.

Continue Reading

1 Gennaio 2015

Gas di scisto: primo fallimento societario, altri seguiranno


WSI 8Gen15